IL DIRITTO

Il colpo base


Il dritto è uno dei primi colpi che si apprendono, e quello più frequentemente usato in difesa in fondo al campo; impugnatura raccomandata CONTINENTAL I piedi paralleli in linea con le spalle, la racchetta tenuta con la mano destra e sorretta con la mano sinistra all’altezza della vita, la testa della racchetta rivolta leggermente verso l’alto. Le gambe sono semi-piegate ad una larghezza pari a quella delle spalle. Partendo dalla posizione di attesa, raggiungeremo una nuova posizione laterale girando le spalle, le anche e allineando i piedi a quest’ultime, la testa della racchetta punterà in direzione della la parete di fondo, la mano sinistra verso la palla in arrivo. Seguirà all’occorrenza una ricerca della palla con dei piccoli passi di accomodamento (avvicinamento/allontanamento) Il peso del corpo in questo momento è ancora distribuito su tutte e due le gambe. Mediante una accelerazione raggiungiamo il punto di impatto ideale (leggermente avanzato rispetto al piede sinistro) nel quale la racchetta, nella fase di apprendimento, sarà perpendicolare al terreno. In questa fase avviene il trasferimento del peso in avanti. Infine l'ultima fase ovvero il finale del colpo, la racchetta proseguirà parallelamente al suolo la sua corsa terminando, dopo una leggera rotazione delle spalle e delle anche all’altezza degli occhi ripresa dalla mano sinistra, con il gomito a puntare il campo opposto ed il tallone del piede destro leggermente sollevato da terra.

Gli errori di diritto più comuni


  • Impugnatura sbagliata

  • colpire in posizione frontale

  • non fermarsi durante l’impatto

  • fase di impatto troppo avanzato o arretrato

  • impatto troppo vicino o lontano

  • impatto con la racchetta verticale

  • mancanza di finale o finale basso

  • movimento del polso durante l’impatto

  • preparazione troppo ampia

  • “passo” troppo ampio o troppo stretto



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Ottica Giangiuliani LOGO2_bianco.png
Wind3.webp