Caro Riccardo...

Lettera dell'Assessore Milani al preside Agresti.


La vicenda della palestra Melone, utilizzata dalle società sportive che ne hanno fatto richiesta, ha avuto un esito positivo.

Com’è noto il Preside Agresti ha fatto sapere (ma non lo ha ancora comunicato formalmente) che concederà l’uso della struttura solo dopo le ore 20.00 (o dopo le 19.00 se sarà possibile), impedendo di fatto alla società sportiva Dinamo Pallacanestro di far allenare i bambini e quindi mettendo a rischio la partecipazione ai campionati federali.

Ma, come anticipato in apertura, la soluzione è stata trovata.

Grazie ad un’altra società di Ladispoli che ha concesso le proprie ore in un’altra palestra, con grande fair play sportivo, siamo riusciti a incastrare gli orari di allenamenti e partite, cosa che permetterà alla Dinamo Pallacanestro di disputare regolarmente la stagione agonistica.

Tutto è bene ciò che finisce bene e il sottoscritto si può ritenere soddisfatto perché compito di un amministratore, in questo caso delegato allo Sport, è quello di risolvere i problemi e permettere a tutti di svolgere le proprie attività sportive.

Stavolta però, nonostante io detesti polemiche e dispute pubbliche, non posso esimermi dal fare e rendere note alcune riflessioni sul Professor Agresti.

Ho letto i suoi post, colmi di accuse, astio, ripicche ma soprattutto di informazioni non corrette nei confronti dell’Amministrazione, forse perché nell’euforia della sua partecipazione alle prossime elezioni amministrative, fa di tutta l’erba un fascio e politicizza anche le vicende di Ladispoli, dove lui è semplicemente un preside, mentre l’agone politico che lo riguarda si tiene a Bracciano.

La vicenda del Teatro Vannini è arcinota ma nonostante gli sia stato concesso temporaneamente per utilizzarlo come refettorio, trova lo stesso pretesti capziosi per condurre la sua crociata personale contro gli avversari politici (per lui tali noi siamo).

E dice e fa tutto e il contrario di tutto pur di incidere sulle elezioni che si terranno nel prossimo giugno qui a Ladispoli. Ormai è chiaro.

Ha trasformato la palestra Melone in refettorio perché non riteneva sufficiente la mensa interna alla scuola, dal momento che giudicava necessari due metri di distanza tra un bambino e l’altro. Legittimo.

Perché allora, ora che ha Teatro e Sale interne nella scuola, i bambini mangiano stipati come cannelloni a distanza inferiore di un metro?


In un confronto video sul web dimostrai che per utilizzare il Teatro (che lui ha sempre dichiarato essenziale per far mangiare i bambini) lasciando i due metri da lui richiesti, avrebbe dovuto fare 12 turni per farli mangiare tutti, evidenziando così che la capricciosa pretesa di riavere il Vannini come refettorio era solo pretestuosa.

Si ammutolì un mesetto poi riprese la sua crociata, nonostante fosse stato provato che usare il Teatro Vannini come refettorio era impossibile.

E nel tempo ha incrementato i suoi attacchi a questa Amministrazione, per mera convenienza politica.

Nell’ultimo farneticante post ci accusa di “comandare e non di governare”.

Non mi sorprende che conosca bene tale modalità, vista la parte politica che sostiene, quella che nel mondo, pur spacciandosi per libertaria, ha causato decine di milioni di morti.

Ci attribuisce frasi e cose mai dette, parla di “lecchini”, di “amici degli amici”, di “assessori e lecchini imbecilli e truffatori”, di “fegato della ex assessora”, di amministratori che avrebbero detto “abbiamo vinto le elezioni quindi bambini e preside devono stare muti”, oppure “i bambini dovranno aspettare un’Amministrazione loro amica per vedersi aiutare dal Comune”


Riccardo: sebbene fazioso sei però una persona intelligente.

Come fai a spingerti fino a tali fesserie? Torna in te, recupera il tuo ruolo di Preside e seppellisci l’ascia di guerra, fai due cartelline separate, dove in una metti i tuoi discorsi politici (e ci scrivi sopra “Bracciano”) e nell’altra ci tieni il programma didattico (e ci scrivi sopra “Ladispoli”).


In un altro post scrivi che, nel Teatro Vannini “durante l’estate vi sono entrati “cani e porci”, senza alcun controllo, eccetto i bambini della Melone”.


Spiegami:

1) Chi sono “cani e porci”? Fammi i nomi. Devi farli. Il Teatro questa estate è stato dato a tre richiedenti, ed io ho fatto un sopralluogo con due attori famosi.

Chi di questi sono i cani e chi i porci?

2) “Senza alcun controllo”? Dimostramelo. Le chiavi le abbiamo in Comune e per entrare è necessario disattivare l’allarme. Ti risultano effrazioni? Ti risulta un uso del Teatro non autorizzato? Se sì, comunicamelo.

3) “Eccetto i bambini della Melone”. Avete inoltrato domanda per utilizzare il Teatro e ve l’abbiamo negata? Non ricordo, fammi avere le carte e farò ammenda.


Ma ti rendi conto del linguaggio che utilizzi e che certo non si addice al Preside di una scuola? Quella di “cani e porci” è il massimo…


E quando dici “l’Amministrazione ha fatto costruire palazzi e tagliare alberi e non si è mai interessata dei bambini e dei giovani, tanto da togliere loro la mensa e costringerli a mangiare in palestra, non esiste un cinema o un teatro funzionante né un qualsiasi luogo di cultura e nemmeno uno straccio di luogo pubblico dove le attività sportive possano essere praticate.”

Ancora bugie, enormi, meschine.

Quella sui palazzi e sul taglio degli alberi è elettorale. Se ti riferisci all’ultima variante, fai finta di dimenticare che è opera della precedente amministrazione e noi abbiamo dimezzato i metri cubi previsti dalla sinistra. Circa gli alberi ti basta fare il conto tra quelli abbattuti da noi e quelli abbattuti dagli altri e avrai la risposta.

Sul refettorio ti ho già risposto.

Non esiste un cinema? L’ultimo che c’era, dovresti conoscerlo bene, ha preferito migrare a Cerveteri. Chiedi in casa tua i motivi, non certo a noi.

Noi ce lo abbiamo riportato a Ladispoli, visto che presto avremo un Cine-Teatro di ultima generazione a via Settevene Palo.

Il Teatro inoltre ce l’avevamo, piccolo ma funzionale. Ora non c’è perché tu lo usi come refettorio.

Non esiste un qualsiasi luogo di Cultura? Ma come fai a mentire così spudoratamente?

Il Centro di Arte e Cultura l’ho riattivato e funziona splendidamente dodici mesi l’anno, con un programma di eventi infinito, oltre alle attività svolte dalle associazioni culturali che ne usano le stanze.

Dai concerti alle mostre di pittura (quella di Venanzoni è andata su RAI1, Skytg24, Repubblica, La Stampa, ecc), dal festival della fiaba agli spettacoli teatrali, dalla danza agli scacchi. Dodici mesi l’anno. Con che faccia sostieni il contrario?

E la Biblioteca? Abbiamo raddoppiato gli eventi, anche qui dodici mesi l’anno, ci teniamo mostre, conferenze, presentazioni di libri, corsi.

L’ho trovata in eccellenti condizioni e siamo riusciti a incrementarne l’attività.

L’estate c’è Piazza Rossellini per spettacoli leggeri e popolari.

Ma c’è la Grottaccia anche, che ho fortemente voluto recuperare come luogo di Cultura, dove tutto l’anno si tengono concerti di musica colta, teatro, presentazione di libri, danza, per chi ha gusti più sofisticati.

Questa estate c’è stata la prima edizione di LADISPOLIBRI, Fiera del Libro e degli editori, che continuerà negli anni, chiunque sarà a governare.

L’estate appena passata è stata un successo clamoroso, con tanti appuntamenti per tutti i gusti. Tranne qualche hater di professione per il resto abbiamo ricevuto solo complimenti.

E lo sport? Manca “uno straccio di luogo pubblico, dove le attività sportive possano essere praticate”, dici.

Nel 2022 sarà inaugurato un palazzetto dello Sport. Ti è sfuggito forse.

E se per il momento utilizziamo le palestre (che sono nostre, della Città) è perché quelle abbiamo trovato.

Invece, chiunque ci sarà dopo di noi, troverà un bel palazzetto dello Sport, nuovo di zecca, fatto in quattro anni, mica in venti.

Chiudo.

Riccardo, nessuno ti vuole zittire, ma modera i termini (mi raccomando, rendi noti i nomi di cani e porci), non insultare chiunque non la pensi come te e cerca di essere più sincero. E io ho un buon motivo per chiedertelo.

A presto.


Marco Milani

505 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Ottica Giangiuliani LOGO2_bianco.png
Wind3.webp